Tipologie di orgasmo femminile

Ogni singolo uomo vorrebbe conoscere tutti i segreti del corpo femminile, come scatenargli un’orgasmo e quali parti sollecitare per farcela arrivare, molti sono dei miti ma altri metodi sono reali, basta conoscerli per poterli mettere in pratica.

In queste righe cercheremo di illustrarvi le tre cose principali che il corpo femminile può fare facendovi capire come fare per fargli raggiungere un’orgasmo in maniera più semplice.

Squirting

Molti frequetatori degli ambienti dei set porno sono dell’idea che anche la donna sia in grado di eiaculare, non vi è nulla di sicuro ma la maggior parte degli uomini sono dell’idea che, attraverso un pò di pratica tutte ci possano arrivare.

Calcolate che ogni donna, in fase di eccitazione massima accumula liquidi all’interno della spugna uretrale che è situata vicino la parete vaginale frontale dove si presume sia presente anche il famoso punto G.

Quindi la prima cosa da fare per riuscire a far arrivare la donna al punto di espellere questi liquidi è dato dal fatto di farla eccitare al massimo con un forte orgasmo.

Si dovrà effettuare un movimento dal basso verso l’alto con i polpastrelli durante la penetrazione con la mano in modo tale da allargare l’apertura vaginale, questo causerà inevitabilmente un forte squirting.

>ricordate che la donna dovrà essere eccitata al massimo ma allo stesso tempo rilassata nella parte uretrale, è come se andassimo a strizzare questa spugna con un movimento frenetico dell’indice e del medio.

Orgasmo anale

Calcolate che la donna rispetto all’uomo ha la capacità di raggiungere l’orgasmo in modalità differenti, calcolate che delle volte ci riescono anche soltanto col pensiero.

Per quanto riguarda l’orgasmo anale, anche in questo caso ci sono delle determinate tecniche da mettere in pratica.

In anatomia il nervo pudendo che si occupa di trasmettere al cervello la sensazione del piacere che arriva dalla zona pelvica arriva con una propria diramazione al nervo dorsale del clitoride passando per la zona anale.

Partendo dal presupposto che le zone che stimolano il piacere non sono localizzate in un’unico punto si capisce che l’orgasmo può essere raggiunto non solo tramite la vagina ma anche dall’orifizio anale, sicuramente sarà un piacere diverso ma che verrà ugualmente molto apprezzato dalla donna.

Ricordate che anche in questo caso la donna dovrà essere assolutamente rilassata ed a proprio agio e dovrà essere, per forza di cose, molto eccitata, ricordate inoltre di utilizzare dei lubrificanti.

Orgasmo utilizzando altre parti del corpo

Le terminazioni nervose in questo caso la fanno da padrone, per esempio i capezzoli sono un’altra zona molto sensibile, provate a alitarci sopra e attiverete i ricettori nervosi, fatto questo potrete passare a leccare, morsicare o succhiare queste parti, provate ad utilizzare anche dei lubrificanti o del ghiaccio per creare quel contrasto di sensazioni che stimola le terminazioni nervose.

Altri punti che potranno sembrarvi strani possono essere i piedi, calcolate che vi è uno studio specifico su questo fenomeno, concludiamo questo articolo dicendovi che comunque il corpo femminile è un vero e proprio santuario del piacere, basta aver pazienza nel saperlo esplorare, ogni punto potrebbe essere in grado di far raggiungere l’orgasmo alla donna.

About the author

rivistainutile

View all posts