Maxi multe ai naturisti

Nell’estate del 2017 dalle parti di Cecina in Toscana due naturisti erano stati denunciati per atti osceni in luogo pubblico, i due hanno presentato ricorso e alla fine il Giudice di pace il 10 gennaio ha accettato la loro richiesta.

Il fatto è successo tra Castagneto Carducci e Marina di Bibbona, più precisamente nella zona di Fossa Camilla, per chi non lo sapesse questa zona è da sempre la meta di tutti gli appassionati del naturismo anche se non vi è formale accettazione da parte dell’amministrazione comunale.

Un’altro problema segnalato dai residenti è quello dell’aumento del problema dell’abusivismo commerciale, stiamo parlando della libera vendita di capi contraffatti che ha portato al successivo blitz delle forze dell’ordine che hanno eseguito il sequestro di tutto il materiale falso.

Durante il blitz le forze dell’ordine si sono accorte di 5 naturisti che si trovavano sulla spiaggia e di conseguenza li hanno fermati per aver violato l’articolo 726 del Codice penale con relativa multa di circa 17.000 euro.

Processo

Tre persone sulle cinque non si sono fatti sentire mentre l’altra coppia si è rivolta all’ANITA (Associazione Naturista Italiana) che ha subito messo in campo le azioni del caso.

Durante il processo si sono presentati 15 testimoni che hanno affermato il fatto che quel tratto di mare la pratica del nudismo è oramai praticata da molto tempo.

Anche Sandra Scarpellini, Sindaca di Castagneto e Massimo Fedeli, sindaco di Bibbona hanno testimoniato in merito affermando che l’associazione ha già depositato da tempo esplicita richiesta di autorizzare il nudismo in quella determinata zona.

La difesa è riuscita a fare un’ottimo lavoro visto che il Giudice di pace ha annullato la sanzione, a tal riguardo il Presidente dell’Associazione Naturista Italiana ha dichiarato che si tratta di una grossa vittoria per tutto il movimento.

L’associazione ha anche instaurato un fondo speciale per tutti coloro che hanno ricevuto una sanzione e sono intenzionati a fare ricorso, comunque lo scopo principale dell’ANITA è quello di riuscire a depenalizzare la pratica del naturismo.

About the author

Rivistainutile.it

View all posts