Anche stavolta chiudiamo l’anno con un numero speciale dedicato alla narrativa breve. Nelle venti pagine di cui è composto trovate: due racconti di Sheila Heti, scrittrice canadese sconosciuta al pubblico italiano (eccezion fatta per quelli che hanno letto il suo racconto pubblicato nell’antologia Piccolo piccolo grande uomo, Mondadori 2008); un racconto di Danilo Deninotti, giovane uomo d’animo audace e di sangue piemontese; un estratto dal romanzo Scatafascio, opera a quattro mani di Francesco Cozzolino e Marco Grasso, il cui incipit è già apparso su Linus, nella compianta rubrica di Matteo B. Bianchi; chiude il numero il felice esperimento di micronarrativa di Andrea Maggiolo. La copertina è di Alice Socal.

Come al solito, potete scaricarlo da qui, leggerlo qui sopra oppure, se i pixel vi turbano, acquistarlo in versione cartacea per 5 euro, spese di spedizione incluse, mandando una mail a info@rivistainutile.it.

Questo è tutto, ce ne andiamo in vacanza per un mese.

Share →

8 Responses to numero 35, il numero speciale di sola narrativa

  1. lovogliolovogliolovogliolovoglio

  2. ale r says:

    amore, sarà tuo.

  3. inutile says:

    Ehi, ma perché Sparacino non si è ancora abbonato??
    MS

  4. perché fino a poche settimane fa avevo il mio spacciatore personale di inutile a un tiro di schioppo e un palmo di naso. io pagavo lui in nero, lui intascava aumma aumma e tutti eravamo inutili e contenti.
    ahhh, i vecchi tempi…

  5. a.m. says:

    che bello, ci sono storie di droghe e di amori vietati in queste repliche all’ottimo numero di sola narrativa!

  6. grazie per aver pubblicato i personaggi di micronarrativa, sono onorato.

  7. inutile says:

    @Andrea
    Ma che, scherzi? Grazie a te di avere accettato! :)
    MS